Tenuta Fertuna Metodo Classico

Il Sangiovese in Toscana rappresenta una sfida davvero affascinante: è l’uva che interpreta meglio il territorio, cambiando vestito a seconda della latitudine a cui cresce. Si va quindi dal Chianti Classico a Montalcino, fino a Montepulciano: l’anima profonda del vitigno rimane indiscutibilmente la stessa, a cambiare sono le sfumature che può regalare.

Tutto questo vale anche per la Maremma, dove Tenuta Fertuna ha deciso di raccontarlo sotto una nuova luce, decisamente più chiara, vinificandolo, per la prima volta in bianco. Il progetto, nato ormai 10 anni fa, ha preso il nome di Droppello, che recentemente è diventato Droppello Alto. 

Il Sangiovese e le sue sfumature

La voglia di sperimentare e di scoprire ogni dettaglio possibile del Sangiovese non si è fermata, anzi, ha intrapreso una nuova strada, sempre bianca, ma questa volta con l’aggiunta delle bollicine. L’ultima novità della cantina di Gavorrano è un Metodo Classico figlio di diversi anni di prove e ricerche. Un percorso lungo e difficile, che ha trovato compimento in uno spumante dove ogni tassello, ogni singola bolla, è al suo posto. L’obiettivo era appunto quello di mettere sotto una nuova luce l’autoctono toscano, basandosi sull’esperienza di Tenuta Fertuna nel lavorare il vitigno nella sua versione bianca.

Come nasce il Metodo Classico

La selezione delle uve, dopo la vendemmia manuale, è attentissima, e precede una soffice pressatura a grappoli interi. La successiva fermentazione alcolica forma la base dello spumante: il 50% della massa a questo punto viene trasferita in barrique di Allier per 6 mesi, passati i quali si procede all’assemblaggio e alla presa di spuma. Dopo la seconda fermentazione il vino rimane a riposare sui lieviti per almeno 36 mesi, prima della sboccatura, che per quest’annata 2019, prodotta in tiratura limitata, è stata svolta a luglio 2023. Il dosaggio di 5 grammi per litro fa di lui un Extra Brut. 

Si presenta con un bel colore giallo paglierino, decorato con un perlage sottile e vivace. Insieme alle sue bollicine salgono note di fiori bianchi e frutta a polpa bianca, con un leggero tono tostato sullo sfondo. Freschezza e acidità spiccano insieme a sentori di miele e crosta di pane: un Metodo Classico che abbina con disinvoltura struttura ed eleganza. Il suo carattere lo rende estremamente versatile: da stappare all’aperitivo o a tutto pasto. Una bottiglia che esalta tutta la maestria e l’abilità di Tenuta Fertuna nel trattare il Sangiovese